Come scrivere un sequel e fare i soldi

1482164417763

Manuale semi-serio per appropriarsi dei brand ideati dagli altri e farli vostri.

Odiati dai cinefili incalliti e dalla critica, adorati dai fan incalliti, ma soprattutto manna dal cielo per registi, sceneggiatori e produttori esordienti.

Sono i sequel/prequel/reboot dei grandi brand cinematografici, oggi più che mai imperanti nel mercato hollywoodiano (il che la dice lunga sulla fantasia creativa che impera oggi a Hollywood). Per non parlare poi dei rifacimenti in live-action si fa per dire dei classici d’animazione.

Se, dunque, anche voi ambite a entrare di diritto nella storia di una delle più grandi saghe cinematografiche di tutti i tempi ecco alcuni consigli per diventare dei novelli J.J. Abrams.

P.S. Qualsiasi riferimento a Blade Runner 2 e Star Wars VIII è volutamente intenzionale e realizzato per il solo scopo di scatenare ilarità.

Attenzione al Padre…

14063653395_57a080173a_b

Ricordatevi di inserire nel vostro film almeno uno dei protagonisti della vecchia saga/trilogia/serie che volete rifare, anche solo per un breve cammeo di cinque minuti dove porge le sigarette ai protagonisti più giovani.  Darà più spessore e importanza alla vostra storia e servirà da richiamo per allodole per i fan che si alzeranno in piedi nella sala cinematografica dove si esibiranno in urletti di gioia come tante checche isteriche alla vista del/della loro beniamino/a.

…al Figlio…

16869615008_0651b39b75_b

Il punto di vista del sequel deve sempre essere quello del fan-boy per cui anche il protagonista della vostra pellicola dovrà rispecchiare l’età del pubblico a cui si rivolge il sequel/reboot. Per cui scegliete con attenzione attori giovani e bellocci che richiamino però i protagonisti anziani. Devono essere, in pratica, la loro versione teen. Questo darà l’impressione allo spettatore di sentirsi parte attiva della saga (“Guarda quello è il protagonista, ma è come me solo in versione un po’ più figa, cioè potei essere io, però lui combatte con armi fighe, cioè figata, cioè…”).

P.s. ancora meglio se il protagonista giovane si rivela essere il “figlio segreto” del protagonista anziano (ma non spiegate come e quando potrebbe averlo avuto perché è un casino dal punto di vista narrativo e poi non frega un granché in fondo).

…e allo Spirito Santo!

torino_comics_2006_star_wars_cosplayers

Anche se la saga in questione che andrete a riscrivere affrontava temi seriosi e importanti aggiungete sempre una nota di cazzutaggine e ironia facendo continuamente battute sarcastiche che strizzino l’occhio alo spettatore. Tutto questo per far capire allo spettatore che, sì, siamo nella stessa saga ma l’originale è sempre meglio. Ricordati poi di inserire battute memorabili e tormentoni da citare continuamente alla cazzo di cane, per far sapere che hai studiato per bene (anche perché altrimenti i fan boy non te lo perdoneranno mai). Meglio ancora se fai direttamente un copia-incolla del primo episodio della serie ricalcando le esatte situazioni e conseguenze. Tanto tutti faranno finta di non accorgersene.

Importante: il cattivo!

7809646262_dffce74098_b

Il cattivo deve sempre essere il figlio/nipote/cugino/fratello/parente fino al terzo grado del cattivo originario della saga così da dare continuità alla storia e inserire un ulteriore elemento emozionale: lo scontro generazionale tra il figlio segreto del buono e il figlio del cattivo (ricordati che, biblicamente parlando, le colpe dei padri ricadono sempre sui figli).

Però ricordati anche che deve essere sempre meno figo dell’originale, mica si vorrà rendere un sequel migliore del capitolo precedente, o no? Dibattito aperto nei commenti.

E poi deve sempre avere possibilità di redimersi alla fine che oggi il pubblico è molto più sensibile e politically correct di un tempo (dannati programmi educativi della Disney del sabato pomeriggio!).

 

Annunci

One thought on “Come scrivere un sequel e fare i soldi

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: