Andrea Ricca Short Movies

sci-fi-short-movies_vam4g5ew

Quando anche da noi si possono produrre cose belle.

Chi è Andrea Ricca?

Per i più questo nome non dirà nulla, ma per il sottobosco di nerd italiani, quelli più attenti e inclini alle novità (come quelli che leggono ancora le riviste come Taxi Drivers) invece vuol dire tante cose.

Vuol dire, per esempio, che è sempre possibile, con pochi mezzi ma una sana dose di creatività e originalità, creare piccoli capolavori di genere.

Dal 1998 questo regista indipendente, esperto di computer grafica, realizza dei piccoli corti che attingono dalla tradizione sci-fy dei b-movies anni 50 e 60, riprendendone stilemi e stereotipi.

Stilemi e stereotipi a cui, però, non manca un certo gusto per il ribaltamento dei ruoli convenzionali che suscita sorpresa e ammirazione. Un perfetto mix di tradizione e innovazione del genere che non scontenta mai nessuno.

Ne è prova di questo il corto Aliens Nights, cortometraggio che parla di invasioni aliene, selezionato per il Vienna Fright Nights 2015 e semifinalista al Los Angeles CineFest nello stesso anno.

A proposito dei cortometraggi, questi hanno raggiunto su Youtube cifre da capogiro (Spider Danger  è, attualmente, il corto di fantascienza più visto con ben cinque milioni di visualizzazioni).

Successo del pubblico a parte, è evidente, nei suoi video, una costruzione della narrazione molto artigianale ma efficace, con un climax crescente di tensione che tiene viva l’attenzione dello spettatore, certamente agevolata dalla breve durata dei cortometraggi ma, non per questo, facile considerando che si tratta di film quasi del tutto privi di dialoghi!

L’attenzione viene perciò mantenuta viva proprio per la riconoscibilità delle trame che fungono da “mappa concettuale” per lo spettatore, capaci però di farlo andare in tutt’altra direzione appena passato lo scoglio del climax crescente.

L’attenzione portata dalle riviste di settore verso questo regista indipendente italiano, dunque, è più che meritata e i suoi lavori andrebbero visti solo per capire come è possibile con il solo ausilio di una videocamera FullHD e un computer (e l’aiuto del web ovviamente) riuscire a creare qualcosa di bello e significativo che rientra pienamente nel titolo (oggi spesso abusato) di “Made In Italy”.

Se vi abbiamo incuriosito, con questo articolo, al lavoro di Andrea Ricca potete trovare queste a molte altre informazioni sul sito omonimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: