Se telefonando

broadwayandcortlandst-anni-1880

Se una notte d’inverno un personaggio…

La notte trascorreva tranquilla e serena nella sua placida nebbia, quella tipica inglese che, come una madre, cerca di proteggere  i propri figli dai pensieri e dalle preoccupazioni. Fino a che, all’interno di una delle tante case anonime in Baker Street, questa calma s’interruppe.

“Hello? Chi parla?”

“Hello Mr. Doyle. Strano che me lo chieda. Non lo immagina?”

“Come prego?”

“Suvvia faccia un piccolo sforzo d’immaginazione. In fondo lei è il più importante scrittore di gialli di tutti i tempi. Faccia una supposizione”

“Guardi giovanotto, non ho tempo di scherzare, chiamo la polizia”

“E chi chiama, Lestrade?”

“No chiamo Scotland Yard e chiedo che la faccia arrestare”

“Va bene, va bene, allora le do un’ indizio: sono un medico chirurgo esattamente come lei”

“Che indizio è? Ce ne sono un sacco in Inghilterra e non solo, e non è che li conosca tutti”

“Beh diciamo che non tutti sono anche ex-guerriglieri in Afghanistan”

“Ma che sta dicendo? Non sarà mica…”

“Esatto, ha indovinato”

“Senta se è uno stupido tentativo di voi appassionati di Sherlock Holmes per riportare in vita il personaggio sappia che mi sono veramente scocciato. Ho chiuso con la serie, non scrivo più storie”.

“Ma no, mi creda sono proprio io”

“Com’è possibile? Tu non esisti, sei un personaggio immaginario”

“Siamo già  passati al tu, dottore. Oh già, che stupido, io sono solo un “personaggio inventato”, mentre lei è l’autore e dispone di me come vuole”

“Beh in genere funziona così. Ma non è possibile, lei..tu.. insomma”

“Sappia, “dottore”, che io esisto ormai come lei e lei non è meno immaginario di me. Chi di noi è veramente reale dopotutto? Ma non perdiamoci in chiacchiere, lei mi ha fatto un grave torto sa?”

“Come?”

“Sì, ha capito bene. Lei mi ha sempre dipinto come uno stupido, un beota che non è mai riuscito a trovare la soluzione delle indagini. E quanto mi sta antipatica la frase “Elementare Watson!”. Ormai è diventata d’uso comune, si rende conto della figura che ci faccio io ogni volta?”

“Ma, ecco , non è mai stato un problema direi…”

“Oh, beh certo, per lei no”

“Ma, ai lettori piace come personaggio, è essenziale per la trama, loro si riconoscono in lei e…oh santo cielo, ma davvero sto giustificando la mia opera con un personaggio? Per di più al telefono?”

“Si rilassi dottore lo so che è spiacevole rendersi conto di una cosa che si credeva impossibile. Si chiama umanità, e lei ne è terribilmente afflitto. Ma vede lei ha fatto un terribile errore, e sa quale?”

“No, non saprei”

“Inventare un personaggio che è un reduce di guerra. Sa quante cose s’imparano dopo anni di esperienza in Afghanistan?”

“Ma lei non è mai stato in Afghanistan, cosa vuol dire…”

Arthur Conan Doyle non ebbe tempo di finire la sua frase. Uno sparo partì dalla finestra di fronte e centrò in pieno il celebre scrittore di polizieschi inglese. Nella notte poi un’ombra scivolò lungo la strada e s’intrufolò dalla finestra della casa. Prese il cadavere dell’autore di Sherlock Holmes e lo nascose nell’armadio.

Il giorno seguente i giornali annunciarono che, in un’incontro con la stampa, il celebre scrittore Arthur Conan Doyle aveva dichiarato di voler “risuscitare” il suo celebre personaggio rendendolo un personaggio a tutto tondo e quindi umanizzandolo di più, insieme ovviamente, a tutti gli altri personaggi della serie, a partire dal suo fidato braccio destro.

Uno dei giornalisti che assistette all’evento riferì che gli sembrò di aver notato un cambiamento nell’aspetto di Doyle: era sempre lui ma senza baffi. Non ebbe però il coraggio di chiedere all’autore il perché di quel cambiamento, avrebbe sicuramente fatto la figura del cretino davanti a tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: