Ma le star sognano pecore elettriche?

hostile-886029_960_720

Tutti sogniamo di diventare star, ma cosa sognano le star?

La folla si sta accalcando nel Palasport. Più di ventimila corpi sudati e accaldati che si ammassano in un punto preciso e cominciano a urlare  e a sbraitare.

Si tratta di una scena quasi a battaglia. E il re e giudice dell’incontro è sicuramente lui: Brian Dany, la pop-star del momento.

È lui che tiene il pubblico tra le sue mani e lo a muovere, emozionare ed esplodere a suo piacimento e discrezione.

Sta cantando le sue hit più famose alla platea sottostante, dopo avere selezionate per bene tra le più recenti prima e le più nostalgiche poi.

E il pubblico avverte questa scelta strategica, eppure non si sente preso in giro, non si vuole accorgere che è tutto studiato. Anzi, gode di questa cosa: è un regalo fatto a loro, pensato appositamente per loro. E stanno al gioco.

Brian Dany scende per un attimo dal palco e la fola si apre attorno a lui come le acque del Nilo per  Mosè. Galleggia sopra di loro e li sovrasta. Si avvicina a una ragazza bionda, con una mano le sfiora i capelli.

Il concerto è finito, i due si incontrano nel camerino. Basta un gioco di sguardi tra i due e si capisce subito che c’è intesa. Si comincia toccandosi le guance, poi i capelli. Poi le labbra si sfiorano e si avvicinano sempre di più. Poi i corpi si uniscono e si muovono all’unisono come in una danza. Una danza corporea tra i due.

Buio, stacco.La pace dei sensi. Eppure è tutto buio attorno a loro. Dov’è finito il camerino? Il guardaroba? Il letto su cui prima erano sdraiati a fare l’amore? Lo specchio?

Ah no, ecco lo specchio è lì, esattamente di fronte a loro. Ma dentro di esso non ci sono loro. Dall’altra parte c’è una giovane donna che li guarda con odio.

Il suo sguardo incazzato si contorce in una smorfia che riempie di rughe il volto della giovane che comincia a urlare come un’amazzone.

All’improvviso questa esce dallo specchio brandendo un coltello. Con fare furioso si avvicina ai due e fa letteralmente a pezzi la ragazza bionda.

Brian, spaventato, esce dal camerino e si avventura alla cieca nei corridoi bui. Non sa dove andare ma cerca una via d’uscita mentre l’eco dell’amazzone lo raggiunge sempre di più. Si sta avvicinando, Brian inciampa e cade. Sente addosso il fiato della ragazza, il peso del suo corpo sopra il suo…

Poi nulla…il risveglio.

«Perfetto, l’abbiamo localizzata» una voce rilassata riporta Brian nel mondo reale «Ora la sua stalker non le darà più fastidio»

«Dottore è stato incredibile» sono le prime parole di Brian al risveglio. «Un attimo prima ero nel mio sogno che facevo le mie solite cose e poi è stato come vedersi nel sogno di un altro. Avvertivo che il sogno non era più il mio, mi vedevo in terza persona, era tutto così reale…».

«Sì beh, è l’effetto che danno gli stalker dell’inconscio» gli risponde il Dottore «Grazie alla macchina sinoptica di mia invenzione però è possibile individuarli e capire chi si introduce nei sogni degli altri. Ora potrà dormire sonni tranquilli. Una volta individuata rimuoveremo l’anomalia dal suo cervello e rintracceremo la ragazza la perseguita nei sogni».

«Tutto ciò è incredibile» ribatte Brian. «No è più normale di quanto non possa sembrare. I sogni sono connessioni neuronali, prodotti di piccole scariche elettriche del cervello, se così si può dire. Se uno ne conosce il meccanismo può rimodularle per introdursi nel cervello altrui, come un hacker che immette un virus nel computer per intenderci. Così agiscono gli hacker dell’inconscio»

«Mi ci vorrà qualcosa di forte per riprendermi»

«No anzi, consiglio una bella tisana rilassante. E poi una bella dormita ovviamente. Ora che può godersela».

Il Dottore richiuse la macchina sinoptica e si allontanò. Un altro caso era stato brillantemente risolto.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: